Secundum Avenroem: Pico della Mirandola, Elia del Medigo e la «seconda rivelazione» di Averroè, 2022
By: Giovanni Licata
Title Secundum Avenroem: Pico della Mirandola, Elia del Medigo e la «seconda rivelazione» di Averroè
Type Monograph
Language Italian
Date 2022
Publication Place Palermo
Publisher Officina di Studi Medievali
Series Machina philosophorum
Categories Tradition and Reception, Surveys, Renaissance, Latin Averroism
Author(s) Giovanni Licata
Publisher(s)
Translator(s)
Forse mai come nel Rinascimento vi è stato un interesse così intenso verso la filosofia e la scienza arabe. Ne sono esempio macroscopico le opere di Averroè, oggetto di una seconda massiccia ondata di traduzioni latine tra il 1488 e il 1562, dopo la prima ondata del XIII secolo. Questo volume dimostra come Giovanni Pico della Mirandola - icona mitica dell'Umanesimo e padre della scoperta della qabbalah - fu anche indiscutibile pioniere e sponsor della traduzione di un vasto corpus di opere filosofiche di Averroè (e di altri filosofi islamici ed ebrei), a partire dalle versioni ebraiche medievali. L'analisi minuziosa dei manoscritti "averroistici" posseduti e postillati da Pico ha dato avvio a un'indagine a tutto campo sulle fonti dell'averroismo rinascimentale, all'interno del quale il filosofo e traduttore ebreo-cretese Elia del Medigo (c. 1455-c. 1493) si rivela uno dei protagonisti. Le opere originali e le nuove traduzioni compiute da Del Medigo, su richiesta di Pico, costituiscono infatti l'atto di nascita di quella "seconda rivelazione" di Averroè che culminerà nella pubblicazione della monumentale edizione giuntina (1550-52, 1562) dell'Aristotele e dell'Averroè latino. Questo volume valorizza l’insieme della produzione averroistica di Del Medigo, mostrandone l’indisgiungibile rapporto con le 900 Tesi di Pico (pubblicate nel 1486) e l’importanza che rivestì anche per le successive generazioni di traduttori dall’ebraico. Di alcune opere e traduzioni di Del Medigo si offre qui, per la prima volta, l’edizione critica.

{"_index":"bib","_type":"_doc","_id":"5416","_score":null,"_source":{"id":5416,"authors_free":[{"id":6283,"entry_id":5416,"agent_type":"person","is_normalised":1,"person_id":1599,"institution_id":null,"role":{"id":1,"role_name":"author"},"free_name":" Giovanni Licata","free_first_name":" Giovanni ","free_last_name":" Licata","norm_person":{"id":1599,"first_name":"Giovanni","last_name":"Licata","full_name":"Giovanni Licata","short_ident":"","is_classical_name":0,"dnb_url":"http:\/\/d-nb.info\/gnd\/1128655918","viaf_url":"http:\/\/viaf.org\/viaf\/306437659","db_url":"","from_claudius":1,"link":"bib?authors[]=Giovanni Licata"}}],"entry_title":"Secundum Avenroem: Pico della Mirandola, Elia del Medigo e la \u00abseconda rivelazione\u00bb di Averro\u00e8","title_transcript":"","title_translation":"","main_title":{"title":"Secundum Avenroem: Pico della Mirandola, Elia del Medigo e la \u00abseconda rivelazione\u00bb di Averro\u00e8"},"abstract":"Forse mai come nel Rinascimento vi \u00e8 stato un interesse cos\u00ec intenso verso la filosofia e la scienza arabe. Ne sono esempio macroscopico le opere di Averro\u00e8, oggetto di una seconda massiccia ondata di traduzioni latine tra il 1488 e il 1562, dopo la prima ondata del XIII secolo. Questo volume dimostra come Giovanni Pico della Mirandola - icona mitica dell'Umanesimo e padre della scoperta della qabbalah - fu anche indiscutibile pioniere e sponsor della traduzione di un vasto corpus di opere filosofiche di Averro\u00e8 (e di altri filosofi islamici ed ebrei), a partire dalle versioni ebraiche medievali. L'analisi minuziosa dei manoscritti \"averroistici\" posseduti e postillati da Pico ha dato avvio a un'indagine a tutto campo sulle fonti dell'averroismo rinascimentale, all'interno del quale il filosofo e traduttore ebreo-cretese Elia del Medigo (c. 1455-c. 1493) si rivela uno dei protagonisti. Le opere originali e le nuove traduzioni compiute da Del Medigo, su richiesta di Pico, costituiscono infatti l'atto di nascita di quella \"seconda rivelazione\" di Averro\u00e8 che culminer\u00e0 nella pubblicazione della monumentale edizione giuntina (1550-52, 1562) dell'Aristotele e dell'Averro\u00e8 latino.\r\n\r\nQuesto volume valorizza l\u2019insieme della produzione averroistica di Del Medigo, mostrandone l\u2019indisgiungibile rapporto con le 900 Tesi di Pico (pubblicate nel 1486) e l\u2019importanza che rivest\u00ec anche per le successive generazioni di traduttori dall\u2019ebraico. Di alcune opere e traduzioni di Del Medigo si offre qui, per la prima volta, l\u2019edizione critica.","btype":1,"date":"2022","language":"Italian","online_url":"","doi_url":"","ti_url":"","categories":[{"id":43,"category_name":"Tradition and Reception","link":"bib?categories[]=Tradition and Reception"},{"id":18,"category_name":"Surveys","link":"bib?categories[]=Surveys"},{"id":5,"category_name":"Renaissance","link":"bib?categories[]=Renaissance"},{"id":7,"category_name":"Latin Averroism","link":"bib?categories[]=Latin Averroism"}],"authors":[{"id":1599,"full_name":"Giovanni Licata","role":1}],"works":[],"republication_of":null,"translation_of":null,"new_edition_of":null,"book":{"id":5416,"pubplace":"Palermo","publisher":"Officina di Studi Medievali","series":"Machina philosophorum","volume":"","edition_no":"","valid_from":null,"valid_until":null},"booksection":null,"article":null},"sort":[2022]}

Success and Suppression: Arabic Sciences and Philosophy in the Renaissance, 2016
By: Dag Nikolaus Hasse
Title Success and Suppression: Arabic Sciences and Philosophy in the Renaissance
Type Monograph
Language English
Date 2016
Publication Place Cambridge, Massachusetts; London, England
Publisher Harvard University Press
Series I Tatti Studies in Italian Renaissance History
Categories Renaissance, Science, Influence
Author(s) Dag Nikolaus Hasse
Publisher(s)
Translator(s)
Dag Nikolaus Hasse shows how ideological and scientific motives led to the decline of Arabic traditions in European culture. The Renaissance was a turning point: on the one hand, Arabic scientific traditions reached their peak of influence in Europe; on the other, during this period the West began to forget, or suppress, its debt to Arabic culture.

{"_index":"bib","_type":"_doc","_id":"5248","_score":null,"_source":{"id":5248,"authors_free":[{"id":6057,"entry_id":5248,"agent_type":"person","is_normalised":1,"person_id":1722,"institution_id":null,"role":{"id":1,"role_name":"author"},"free_name":"Dag Nikolaus Hasse","free_first_name":"Dag Nikolaus","free_last_name":"Hasse","norm_person":{"id":1722,"first_name":"Dag Nikolaus","last_name":"Hasse","full_name":"Dag Nikolaus Hasse","short_ident":"","is_classical_name":null,"dnb_url":"https:\/\/d-nb.info\/gnd\/11800638X","viaf_url":"","db_url":"","from_claudius":null,"link":"bib?authors[]=Dag Nikolaus Hasse"}}],"entry_title":"Success and Suppression: Arabic Sciences and Philosophy in the Renaissance","title_transcript":"","title_translation":"","main_title":{"title":"Success and Suppression: Arabic Sciences and Philosophy in the Renaissance"},"abstract":"Dag Nikolaus Hasse shows how ideological and scientific motives led to the decline of Arabic traditions in European culture. The Renaissance was a turning point: on the one hand, Arabic scientific traditions reached their peak of influence in Europe; on the other, during this period the West began to forget, or suppress, its debt to Arabic culture.","btype":1,"date":"2016","language":"English","online_url":"","doi_url":"","ti_url":"","categories":[{"id":5,"category_name":"Renaissance","link":"bib?categories[]=Renaissance"},{"id":56,"category_name":"Science","link":"bib?categories[]=Science"},{"id":24,"category_name":"Influence","link":"bib?categories[]=Influence"}],"authors":[{"id":1722,"full_name":"Dag Nikolaus Hasse","role":1}],"works":[],"republication_of":null,"translation_of":null,"new_edition_of":null,"book":{"id":5248,"pubplace":"Cambridge, Massachusetts; London, England","publisher":"Harvard University Press","series":"I Tatti Studies in Italian Renaissance History","volume":"","edition_no":"","valid_from":null,"valid_until":null},"booksection":null,"article":null},"sort":[2016]}

Secundum Avenroem: Pico della Mirandola, Elia del Medigo e la «seconda rivelazione» di Averroè, 2022
By: Giovanni Licata
Title Secundum Avenroem: Pico della Mirandola, Elia del Medigo e la «seconda rivelazione» di Averroè
Type Monograph
Language Italian
Date 2022
Publication Place Palermo
Publisher Officina di Studi Medievali
Series Machina philosophorum
Categories Tradition and Reception, Surveys, Renaissance, Latin Averroism
Author(s) Giovanni Licata
Publisher(s)
Translator(s)
Forse mai come nel Rinascimento vi è stato un interesse così intenso verso la filosofia e la scienza arabe. Ne sono esempio macroscopico le opere di Averroè, oggetto di una seconda massiccia ondata di traduzioni latine tra il 1488 e il 1562, dopo la prima ondata del XIII secolo. Questo volume dimostra come Giovanni Pico della Mirandola - icona mitica dell'Umanesimo e padre della scoperta della qabbalah - fu anche indiscutibile pioniere e sponsor della traduzione di un vasto corpus di opere filosofiche di Averroè (e di altri filosofi islamici ed ebrei), a partire dalle versioni ebraiche medievali. L'analisi minuziosa dei manoscritti "averroistici" posseduti e postillati da Pico ha dato avvio a un'indagine a tutto campo sulle fonti dell'averroismo rinascimentale, all'interno del quale il filosofo e traduttore ebreo-cretese Elia del Medigo (c. 1455-c. 1493) si rivela uno dei protagonisti. Le opere originali e le nuove traduzioni compiute da Del Medigo, su richiesta di Pico, costituiscono infatti l'atto di nascita di quella "seconda rivelazione" di Averroè che culminerà nella pubblicazione della monumentale edizione giuntina (1550-52, 1562) dell'Aristotele e dell'Averroè latino. Questo volume valorizza l’insieme della produzione averroistica di Del Medigo, mostrandone l’indisgiungibile rapporto con le 900 Tesi di Pico (pubblicate nel 1486) e l’importanza che rivestì anche per le successive generazioni di traduttori dall’ebraico. Di alcune opere e traduzioni di Del Medigo si offre qui, per la prima volta, l’edizione critica.

{"_index":"bib","_type":"_doc","_id":"5416","_score":null,"_source":{"id":5416,"authors_free":[{"id":6283,"entry_id":5416,"agent_type":"person","is_normalised":1,"person_id":1599,"institution_id":null,"role":{"id":1,"role_name":"author"},"free_name":" Giovanni Licata","free_first_name":" Giovanni ","free_last_name":" Licata","norm_person":{"id":1599,"first_name":"Giovanni","last_name":"Licata","full_name":"Giovanni Licata","short_ident":"","is_classical_name":0,"dnb_url":"http:\/\/d-nb.info\/gnd\/1128655918","viaf_url":"http:\/\/viaf.org\/viaf\/306437659","db_url":"","from_claudius":1,"link":"bib?authors[]=Giovanni Licata"}}],"entry_title":"Secundum Avenroem: Pico della Mirandola, Elia del Medigo e la \u00abseconda rivelazione\u00bb di Averro\u00e8","title_transcript":"","title_translation":"","main_title":{"title":"Secundum Avenroem: Pico della Mirandola, Elia del Medigo e la \u00abseconda rivelazione\u00bb di Averro\u00e8"},"abstract":"Forse mai come nel Rinascimento vi \u00e8 stato un interesse cos\u00ec intenso verso la filosofia e la scienza arabe. Ne sono esempio macroscopico le opere di Averro\u00e8, oggetto di una seconda massiccia ondata di traduzioni latine tra il 1488 e il 1562, dopo la prima ondata del XIII secolo. Questo volume dimostra come Giovanni Pico della Mirandola - icona mitica dell'Umanesimo e padre della scoperta della qabbalah - fu anche indiscutibile pioniere e sponsor della traduzione di un vasto corpus di opere filosofiche di Averro\u00e8 (e di altri filosofi islamici ed ebrei), a partire dalle versioni ebraiche medievali. L'analisi minuziosa dei manoscritti \"averroistici\" posseduti e postillati da Pico ha dato avvio a un'indagine a tutto campo sulle fonti dell'averroismo rinascimentale, all'interno del quale il filosofo e traduttore ebreo-cretese Elia del Medigo (c. 1455-c. 1493) si rivela uno dei protagonisti. Le opere originali e le nuove traduzioni compiute da Del Medigo, su richiesta di Pico, costituiscono infatti l'atto di nascita di quella \"seconda rivelazione\" di Averro\u00e8 che culminer\u00e0 nella pubblicazione della monumentale edizione giuntina (1550-52, 1562) dell'Aristotele e dell'Averro\u00e8 latino.\r\n\r\nQuesto volume valorizza l\u2019insieme della produzione averroistica di Del Medigo, mostrandone l\u2019indisgiungibile rapporto con le 900 Tesi di Pico (pubblicate nel 1486) e l\u2019importanza che rivest\u00ec anche per le successive generazioni di traduttori dall\u2019ebraico. Di alcune opere e traduzioni di Del Medigo si offre qui, per la prima volta, l\u2019edizione critica.","btype":1,"date":"2022","language":"Italian","online_url":"","doi_url":"","ti_url":"","categories":[{"id":43,"category_name":"Tradition and Reception","link":"bib?categories[]=Tradition and Reception"},{"id":18,"category_name":"Surveys","link":"bib?categories[]=Surveys"},{"id":5,"category_name":"Renaissance","link":"bib?categories[]=Renaissance"},{"id":7,"category_name":"Latin Averroism","link":"bib?categories[]=Latin Averroism"}],"authors":[{"id":1599,"full_name":"Giovanni Licata","role":1}],"works":[],"republication_of":null,"translation_of":null,"new_edition_of":null,"book":{"id":5416,"pubplace":"Palermo","publisher":"Officina di Studi Medievali","series":"Machina philosophorum","volume":"","edition_no":"","valid_from":null,"valid_until":null},"booksection":null,"article":null},"sort":["Secundum Avenroem: Pico della Mirandola, Elia del Medigo e la \u00abseconda rivelazione\u00bb di Averro\u00e8"]}

Success and Suppression: Arabic Sciences and Philosophy in the Renaissance, 2016
By: Dag Nikolaus Hasse
Title Success and Suppression: Arabic Sciences and Philosophy in the Renaissance
Type Monograph
Language English
Date 2016
Publication Place Cambridge, Massachusetts; London, England
Publisher Harvard University Press
Series I Tatti Studies in Italian Renaissance History
Categories Renaissance, Science, Influence
Author(s) Dag Nikolaus Hasse
Publisher(s)
Translator(s)
Dag Nikolaus Hasse shows how ideological and scientific motives led to the decline of Arabic traditions in European culture. The Renaissance was a turning point: on the one hand, Arabic scientific traditions reached their peak of influence in Europe; on the other, during this period the West began to forget, or suppress, its debt to Arabic culture.

{"_index":"bib","_type":"_doc","_id":"5248","_score":null,"_source":{"id":5248,"authors_free":[{"id":6057,"entry_id":5248,"agent_type":"person","is_normalised":1,"person_id":1722,"institution_id":null,"role":{"id":1,"role_name":"author"},"free_name":"Dag Nikolaus Hasse","free_first_name":"Dag Nikolaus","free_last_name":"Hasse","norm_person":{"id":1722,"first_name":"Dag Nikolaus","last_name":"Hasse","full_name":"Dag Nikolaus Hasse","short_ident":"","is_classical_name":null,"dnb_url":"https:\/\/d-nb.info\/gnd\/11800638X","viaf_url":"","db_url":"","from_claudius":null,"link":"bib?authors[]=Dag Nikolaus Hasse"}}],"entry_title":"Success and Suppression: Arabic Sciences and Philosophy in the Renaissance","title_transcript":"","title_translation":"","main_title":{"title":"Success and Suppression: Arabic Sciences and Philosophy in the Renaissance"},"abstract":"Dag Nikolaus Hasse shows how ideological and scientific motives led to the decline of Arabic traditions in European culture. The Renaissance was a turning point: on the one hand, Arabic scientific traditions reached their peak of influence in Europe; on the other, during this period the West began to forget, or suppress, its debt to Arabic culture.","btype":1,"date":"2016","language":"English","online_url":"","doi_url":"","ti_url":"","categories":[{"id":5,"category_name":"Renaissance","link":"bib?categories[]=Renaissance"},{"id":56,"category_name":"Science","link":"bib?categories[]=Science"},{"id":24,"category_name":"Influence","link":"bib?categories[]=Influence"}],"authors":[{"id":1722,"full_name":"Dag Nikolaus Hasse","role":1}],"works":[],"republication_of":null,"translation_of":null,"new_edition_of":null,"book":{"id":5248,"pubplace":"Cambridge, Massachusetts; London, England","publisher":"Harvard University Press","series":"I Tatti Studies in Italian Renaissance History","volume":"","edition_no":"","valid_from":null,"valid_until":null},"booksection":null,"article":null},"sort":["Success and Suppression: Arabic Sciences and Philosophy in the Renaissance"]}

  • PAGE 1 OF 1